Gli incontri posso essere svolti di persona ed on line, presso il mio studio. Presso la sede del cliente solo per Business, Corporate ed Executive “Coaching”.

Si trovano, on line, varie spiegazioni di come si svolge una sessione di Coaching. Proprio perché il “Coaching” è un processo “in divenire”, è forse più indicativo fornire la spiegazione degli approcci  e del percorso e che si possono decidere a priori.

E’ nella prima sessione, di comune accordo, che si decide come procedere

TIPI DI COACHING

  • Life Coaching
  • Executive Coaching
  • Business Coaching
  • Sport Coaching
  • Professional Coaching

TIPI DI PERCORSI

“COACHING” TATTICO: DA 3 A 5 SEDUTE IN 30/45 GIORNI

"Coaching Conservativo"

“Coaching Conservativo”

Abbiamo una scelta di quello che io chiamo

“Coaching Tattico/Conservativo”

Almeno per come inteso nel concetto di organizzazione sistemica: forte focalizzazione sul problema per una soluzione veloce, senza necessariamente allargare la visione ad altre aree nella vita. Può essere un esempio di Life Coaching per ansie, paure, fobie. Sono, a volte, delle richieste anche delle sedute di formazione specifica personalizzata per acquisire velocemente delle abilità che servono in un determinato momento. Oppure, una operatività specifica Business, dove non viene messo in discussione nulla di quanto esiste e ci si concentra sulla specifica soluzione del problema. Il problema viene risolto e il Coachee continua nella sua strada. E sempre presa in considerazione una sessione di chiusura e feed back, per cristalizzare l’operatività avvenuta ed il superamento completo del problema.

“COACHING” STRATEGICO: DA 15 A 20 SESSIONI IN CIRCA 12 MESI

strategia-e-tattica

differenza tra Tattica e Strategia

Inizia ad essere un percorso articolato e completo che definisco

“Coaching Modificativo”.

Almeno per come inteso nel concetto di organizzazione sistemica: il Coachee ha compreso di voler dare una svolta nella sua vita, nei differenti settori della sua vita o dell’azienda, ed è disposto a considerare un miglioramento che può portarlo ad un livello superiore, fargli fare un salto di qualità. Le prime 7/8 sessioni nei primi due mesi e il rimanente, a supporto del processo di cambiamento. Sono compresi dei contatti settimanali nel programma, telefonici o via skype od email, secondo la necessità che pare quella giusta. Entriamo in un concetto di vision della vita, proiettata a 12 mesi con uno sguardo oltre perché, non siamo dei BOT annuali. Il programma è da inserire in un progetto con tre piani di sviluppo: verifica, pianificazione e supporto volto a dare un significato a lungo termine! Il più spesso delle volte le nostre mete non sono raggiunte perché si perde lo slancio dei momenti iniziali, dal momento che il percorso progettato è sempre differente da quello che si vive. Che il Coachee lo voglia o meno, s’incontrano problemi o blocchi o difficoltà che non si potevano preventivare all’inizio, e che possiamo chiamare imprevisti.

“COACHING EVOLUTIVO”: A SEGUIRE LO STRATEGICO, SENZA SCADENZA PREDETERMINATA

"Coaching Evolutivo"

“Coaching Evolutivo”

Solitamente questa relazione professionale non si decide a priori: è una conseguenza dei risultati ottenuti, e si è creata la situazione perché ciò avvenga. In questo caso si può andare oltre il mero processo di Coaching, entrando in relazioni di: Mentoring, Formazione, Collaborazione, sviluppo personale profondo. Il focus è sempre comunque sui desideri e intenzioni, e con tempistiche di feed back con lavori a livelli profondi. Potrebbe essere tradotto per i puristi, con un termine uguale o simile a: DeepCoaching!

“COACHING IN CASO DI CRISI”: una pronta ed adeguata risposta per trasformare momenti di crisi in vero salto avanti!

Il coaching di crisi è richiesto quando c’è qualcosa di estremamente serio nella vita personale o professionale nel Coachee, che causa un grave impedimento ad agire o nel determinare le linee di azione la cui mancanza può portare, in breve tempo, ad ulteriori complicazioni del contesto.

Anche se il Coachee è già impegnato in un percorso tattico o strategico, il coaching di Crisi, richiede un approccio diverso.

Per comprendere può essere utile esaminare esempi tratti da altre discipline. Nella economia e nelle relazioni internazionali, una crisi è una situazione estremamente instabile in cui il le conseguenze appaiono così potenti da costituire una minaccia strategica di grande portata. In sociologia, una crisi si verifica quando il conflitto più significativo raggiunge una svolta, sfociando in una lotta tra forze opposte e si scopre che informazione importanti e rivelate a posteriori, erano parzialmente o completamente sconosciute. In psicologia, la crisi si riferisce a una rottura in cui i normali schemi di funzionamento e comportamento di coping non funzionano più. In medicina, un paziente in crisi mostra un’intensificazione dei sintomi così estrema che anticipa un peggioramento improvviso se non si interviene prontamente.

Per analogia i Coachee provano la maggior parte o la totalità di quanto sopra: si deve  procedere attentamente, con cautela e rapidamente per supportare e guidare il Coachee, con una metodologia ad hoc strutturata in tre punti principali e relativi sotto punti:

  1. Rispondere alle questioni urgenti
  2. Affrontare le dinamiche più profonde
  3. Creare un piano d’azione sostenibile

Se la tua situazione è uguale o simile a quella descritta, qualunque essa possa essere, ne sono dispiaciuto.

Chiamami e possiamo capire assieme quale piano d’azione potrebbe scaturire per la soluzione che desideri

Le tecniche che utilizzo, aggiuntive a quelle di “maieutica pura” per il Coaching, rendono più profondi ed immediati i cambiamenti già in un processo tradizionale e diventano esplosive in questo caso. Il Coachee è spontaneamente rivolto ad un allargamento totale a tutti i livelli psico fisico attitudinali.

.

LIFE&PROFESSIONAL COACH
IPNOCOACH – FORMATORE

             
Share, is a good option